· 

Matite colorate curiosità:Polychromos

Nel 1908, il Conte Alexander Von Faber-Castell lancia le nuove matite colorate "Polychromos". Quando Alexander viaggiò negli Stati Uniti nel 1909, il New-Yorker Staatszeitung gli conferì il titolo di "Il re delle matite". 💡Ritornando al precedente post dove vi parlavo della resistenza al tempo di un'opera d'arte... infatti il primo problema da affrontare per la produzione di queste matite fu quello di garantire la durata del colore alla luce. Per questo ci fu una lunga sperimentazione fino ad ottenere un risultato soddisfacente. Alla fine uscì una matita realizzata in legno di cedro con fusto rotondo in un assortimento di 60 colori, dal bianco opaco alle tinte azzurro, rosso saturno e marrone Van Dyck per arrivare al nero d'avorio. E questa è storia... da allora le matite per disegno artistico Faber-Castell Polychromos sono considerate dai professionisti di tutto il mondo i migliori strumenti per le tecniche di pittura a secco; ottime per avere un colore pieno, o per raffinati particolari. Il tratto risulta morbido, i colori sono vivaci e permettono di raggiungere con una buona tecnica un risultato fotografico. L'elevata quantità e qualità dei pigmenti a base di olio e cere le rende brillanti e resistenti alla luce del sole. Le matite resistono all'acqua e non si sbavano, usate con una buona carta il lavoro resisterà all'umidità e alle muffe. Cosa molto importante non si spezzano quando si temperano, cosa non da poco!e se accidentalmente cadono la mina interna non si rompe. Essendo morbide sono piacevoli sulla carta, ed ho sentito di chi le usa su svariati supporti, su questo però non vi posso confermare niente perché non le ho provate diversamente da carta o cartoncino.

Che dire secondo me il prezzo sarà alto ma è un prodotto che vale. A dimenticavo... un altro punto a favore è che quando finite un colore potete acquistarlo singolarmente.

Ovviamente si è capito che sono le mie preferite, ma la qualità qui c'è... Alla prossima!!! 😄 vi parlerò di altre marche top!

Scrivi commento

Commenti: 0