· 

Parliamo di...Pastelli

La parola pastello da chi non è "addetto ai lavori" viene talvolta usata in modo non corretta , volta ad indicare i materiali artistici più diversi in come ad esempio  le matite. Il pastello per antonomasia è il PASTELLO MORBIDO. Che a sua volta a seconda dell' impasto di cui è composto può essere duro , medio o morbido. Il pastello morbido solitamente è più polveroso e facile da sfumare. Quello ad impasto duro presenta una forma squadrata ed è adatto per tracciare linee più sottili , quello morbido è adatto a grandi campiture e si sfuma facilmente con le dita , veloce nell' esecuzione e luminoso era molto utilizzato dagli impressionisti . I pastelli sono composti di pigmenti in polvere,  sono di forma cilindrica o quadrata , per quelli duri. Questi pigmenti vengono mantenuti insieme da leganti. Vi lascio il link di questo sito per approfondire , lo trovo ben fatto e interessante https://www.artesplorando.it/2016/03/il-pastello-piccola-guida-per-capire-cose.html

Perciò , ricapitolando ; il pastello è un bastoncino cilindrico o quadrato , morbido o duro a seconda dell' utilizzo che se ne vuole fare. Cosa non è un pastello allora ? Le crete non sono pastelli , i pastelli ad olio non sono pastelli , i pastelli a cera , gli acquarellabili , le matite a pastello . 

La superficie migliore per i pastelli è un tipo di carta ruvida , abbastanza granulosa , adatta a trattenere molto bene i pigmenti , oppure ci sono in commercio carte vellutate , sabbiate tutte con la caratteristica di far depositare bene il colore e di trattenerlo. Alla prossima...

Scrivi commento

Commenti: 0